giovedì 29 gennaio 2009

Il WiMAX di Aria parte il 2 febbraio:, coperti 21 comuni umbri

Il WiMAX di Aria parte il 2 febbraio: coperti 21 comuni umbri.

Dopo mesi, anni in cui si è discusso delle possibilità offerte dal WiMAX, dalle possibili implementazioni sul territorio e, soprattutto, superato un lungo iter relativo all'ottenimento delle licenze d'uso si è passati alla fase operativa. Già negli scorsi mesi erano state diffuse le prime notizie relative alla copertura di ridotte aree del territorio, ma nelle scorse ore Aria ha preannunciato che dal prossimo 2 febbraio attiverà il proprio servizio.

Sono 21 i primi comuni in digital divide dell’Umbria che potranno attivare il servizio di Aria: i numeri parlano di circa 90.000 tra famiglie ed imprese che potranno sottoscrivere i servizi di Aria. L’offerta è stata pensata per due principali tipologie di utenti: le famiglie e le piccole imprese.

ARIA CASA ha un costo entry level di 15 Euro/mese per i 4 Mega per arrivare a 20 Euro al mese per l’offerta con velocità di 7 Mega.

ARIA UFFICIO ha un costo di 30 Euro al mese con una velocità di 7 Mega e una banda garantita di 100 kb/s.

Per i clienti che sottoscriveranno un contratto entro il 28 febbraio 2009, inoltre, è previsto uno sconto sul canone dei primi 3 mesi.

“L’impegno che ci siamo presi è quello di portare la banda larga in quelle aree dell’Italia che al momento sono in digital divide completo. Il nostro progetto, come abbiamo già altre volte detto, parte dall’Umbria oggi per coprire i primi 21 comuni. Crediamo fortemente che questa tecnologia possa e debba essere usata per migliorare la vita delle persone ogni giorno: i giovani che si sentono tagliati fuori dal mondo, le famiglie che non hanno accesso ai principali servizi finanziari e della pubblica amministrazione e le imprese che devono poter competere sui mercati globali”, ha dichiarato Franco Grimaldi, Direttore Generale & Chief Technical Officer di Aria.

Per la copertura del territtorio relativo ai suddetti 21 comuni umbri Aria ha previsto l'installazione di 18 Base Station. Questo è solo l'inizio di un lavoro ben più importante: in un precedente comunicato Aria aveva preannunciato l'installazione entro la prossima estate di ben 1200 stazioni WiMax.

Fonte: http://www.hwupgrade.it

Nessun commento:

Posta un commento