domenica 4 luglio 2010

Messenger e il bug dell'ex fidanzata

Il popolare Windows Messenger mostra scarsissima considerazione per la privacy degli utenti. Mostra a tutti i contatti, spacciandoli per "amici".


In questi giorni molti utenti stanno scaricando e testando la beta della versione 2011 della suite Windows Live Essential, l'insieme di programmi sviluppato da Microsoft che contiene il popolare Messenger.

Tuttavia quest'ultima versione non pare essere migliorata di molto rispetto alla precedente, almeno per quanto riguarda la tutela della privacy degli utenti: anzi, sembra avere così poca considerazione quanta ne aveva la cosiddetta Wave 3.

Il problema principale è sostanzialmente uno, ma potenzialmente piuttosto grave. In pratica, iniziando una conversazione con chiunque e rispondendo affermativamente alla domanda che chide di aggiungerlo come contatto a Messenger, questi viene aggiunto anche al Windows Live Network, ossia l'elenco completo degli "amici" online.

Tale elenco è pubblico, accessibile da ognuno degli altri amici. E poco importa che la nuova schermata di opzioni permetta di scegliere di "limitare" l'accesso del contatto o di renderlo "privato": apparirà comunque tra gli amici, e il diligente Windows Live Network lo segnalerà con fanfara a tutti gli altri che già lo sono.

Non c'è insomma alcuna possibilità di chiacchierare amabilmente con qualcuno via Messenger senza che tutti i contatti lo sappiano. Non c'è modo di scambiare due parole con un'ex fidanzata senza che l'attuale monti su tutte le furie.

http://www.zeusnews.com/

Nessun commento:

Posta un commento